giovedì 18 luglio 2013

Quasi una miniera .... Valle dei Mocheni

Imbocco minerario naturale
Per poterla vedere bisogna scendere fino al livello del torrente Fersina, proprio dentro la forra che si trova alla destra del sentiero che porta verso il lago Erdemolo.  Un "saggio minerario" scavato "velocemente" sfruttando in larga parte  una crepa naturale che si innoltra per qualche metro nella roccia. 
(imbocco alto 1.5 m. largo +/- 1 m.) 
Silene Inflata
Probabilmente le maestranze minerarie dell'epoca pensavano di poter intercettare a valle  una vena di metallo che si intravede chiaramente nella roccia a monte del saggio stesso. In effetti, nella parte alta del costone montano esiste ancora oggi una miniera con imbocco parzialmente crollato alla quale, dedicheremo uno dei prossimo post.
A questo punto è molto interessante  chiedersi chi o che cosa aveva convinto i minatori dell'epoca a scavare proprio in quel punto così difficile e arduo da raggiungere. (?)
Quasi certamente la massiccia presenza nei prati sovrastanti l'imbocco minerario della Silene Inflata  comunemente detta "Sciopet"; un piccolo arbusto che predilige terreni con altissima concentrazione minerale, in questo caso ossidi di rame e ferro.