lunedì 30 giugno 2014

Valle dei Mocheni, cumino dei prati.

klich sull'immagine per ingrandire
Il Carum Carvi o cumino dei prati è una pianta antichissima dalle incerte origini, pensate che alcuni “frutti” (perché i piccoli semi scuri rilasciati dai fiori non sono altro che dei veri e propri frutti) sono stati ritrovati vicino a focolai preistorici e perfino nelle tombe dei faraoni egizi. Da non confondersi con il seme di Cumino originario dalla città di Kermat nell’antica Persia che simile nella forma vanta un gusto molto diverso per gli oli essenziali che contiene.
Verso la fine dell’estate procuratevi alcuni fiori e seccateli al sole per qualche giorno, quindi sbatteteli delicatamente e raccogliete i piccoli e minuti frutti che potranno essere utilizzati nella preparazione di focacce, pane o per insaporire le patate lesse.

Con un litro di grappa, 300 grammi di zucchero e 50 grammi di semi si prepara un liquore digestivo detto Kummel. Lasciare i semi a macerare nella grappa per circa 20/30 giorni, quindi filtrare, aggiungere lo zucchero e lasciate riposare per qualche giorno. Il digestivo è pronto.